Leo Lionni – Scuola Primaria Senza Zaino

senza-zaino

Come nasce la scuola primaria Leo Lionni?

La primaria Leo Lionni è una scuola paritaria ed è l’unica privata a Roma autorizzata dalla rete Senza Zaino.
Nasce dal desiderio di dare vita ad una scuola realmente diversa che risponda ai bisogni dei bambini ponendoli al centro del loro processo di crescita e di apprendimento.

L’ équipe del Gruppo B.I.G. da sempre pone particolare attenzione alla costruzione di una progettualità educativa secondo l’approccio “EducarSi in Relazione”, che guarda all’importanza delle relazione nella crescita dei bambini, al valore dato alla soggettività dei singoli, allo sviluppo delle intelligenze multiple e alla consapevolezza dell’insegnante del proprio ruolo.

Quanto nell’approccio “EducarSi in Relazione” è sentito come necessario, urgente e importante, é nel modello di scuola Senza Zaino, sostenuto e affrontato quotidianamente.

Perché Senza Zaino?

L’esperienza delle scuole Senza Zaino nasce nel 2002 a Lucca dal pedagogista Marco Orsi.
Oggi, in Italia, ci sono circa 228 scuole, 2500 insegnanti e 15000 bambini che hanno tolto lo zaino.

Togliere lo zaino è  un gesto reale: gli studenti sono dotati di una cartellina leggera per i compiti a casa e trovano nelle aule una grande varietà di strumenti didattici sia tattili che digitali necessari all’apprendimento.
Togliere lo zaino ha anche un significato simbolico in quanto vengono realizzate pratiche e metodologie innovative in relazione ai tre valori a cui si ispira.

Quali sono i valori su cui si basa Senza Zaino?

Ospitalità: Si riferisce agli ambienti accoglienti, ben organizzati, ordinati, gradevoli, ricchi di materiali che suggeriscono la dimensione pratica dell’insegnamento. L’ ospitalità è intesa anche come accoglienza delle diversità di culture, genere, lingue, interessi, intelligenze, competenze e abilità. L’ospitalità, inoltre, ci permette di realizzare un insegnamento differenziato  che suggerisce una molteplicità di pratiche di gestione personalizzata della classe e che considera la varietà delle intelligenze e degli stili cognitivi, realizzando una scuola inclusiva perché progettata per tutti.

Responsabilità: gli alunni sono invitati ad acquisire l’indipendenza e ad essere protagonisti del proprio apprendimento.
Sono favoriti l’apprendimento basato sul problem-solving, la ricerca, la scelta, la dimensione esperienziale, il significato, la partecipazione degli alunni; la responsabilità nel e per l’apprendimento.

Comunità: Gli spazi dell’aula e quelli della scuola valorizzano un’ idea di comunità, consentendo l’incontro e il lavoro insieme dei docenti e degli studenti.
La comunità ci dice che l’apprendimento avviene nella relazione. In una classe SZ possiamo vedere alunni che stanno esercitandosi in coppia o in piccoli gruppi.
C’è poi un tempo in cui la classe si riunisce nell’agorà: qui può accadere che si discuta di un argomento o si faccia un’assemblea in cui si prendono decisioni importanti. Così si sviluppa il senso della cittadinanza.

Com’è un’aula Senza Zaino?

Nelle aule di una scuola Senza Zaino scompaiono la cattedra e i banchi. I bambini hanno a disposizione tavoli pensati per il lavoro a coppie o a piccoli gruppi, in modo che le dimensioni della relazione, del dialogo e della collaborazione siano sempre rispettate. Lo spazio è diviso in  diverse aree di lavoro così che più attività si possano svolgere in contemporanea.

In cosa si differenzia dalla scuola tradizionale?

L’offerta formativa scolastica  della Leo Lionni è  in linea con la programmazione  proposta dal  M.I.U.R.
Ciò che differenzia l’approccio Senza Zaino dalla scuola tradizionale è come le competenze vengono raggiunte e trasmesse.

Al centro c’è il bambino, sostenuto nel suo apprendimento da un contesto che favorisce l’autonomia, la responsabilità individuale, l’esperienza diretta, il piacere di conoscere ed esplorare e il lavoro di gruppo.
Il bambino è il costruttore del proprio percorso e questo percorso non è predefinito ma in costante divenire rispetto ai suoi bisogni, interessi e motivazioni.

Cosa caratterizza la scuola Leo Lionni?

La scuola Leo Lionni si caratterizza per l’ampliamento delle ore dedicate alla lingua inglese (9 ore totali con insegnante madrelingua) e per la particolare attenzione data alle materie artistiche (musica secondo il modello Orff-Shurlwerk e arte secondo il modello di Arno Stern).
La scuola dispone inoltre di un’ampia fattoria didattica e di un orto, organizzati per favorire il rapporto dei bambini con la natura e gli animali.

PER INFO E CONTATTI:

info@bimbiingioco.it
0650910907 – 0650910644 – 3895235000
www.bimbiingioco.it
Facebook: Leo Lionni


Lascia un commento